Matteo Marconcini...is back!

26/10/2018

Ciao Matteo!
Benvenuto nel nostro Magazine ma soprattutto...bentornato ai vertici del Judo mondiale!
Come ti senti dopo il tuo ritorno sul podio?
Matteo: Ciao! Un po' acciaccato e pieno di dolori ma...bene!
S
ono contento, ovviamente è dura ricominciare e affrontare gente che ha quasi 10 anni meno di te, si sentono tutti e c’è da fare il doppio del lavoro per batterli. Per fortuna aiuta l’esperienza!


416 giorni, tanto è passato dall'argento mondiale du Budapest 2017...
Matteo: Si, sembra passata una vita da quella medaglia, in realtà è “soltanto” un anno fa. Io mi sento la stessa persona con le stesse consapevolezze e con la voglia di arrivare in alto come e più di prima!

Quali sono state le tue sensazioni in gara dopo tanto tempo?
Matteo: Inizialmente ero teso e molto bloccato, per vari motivi. Non volevo rischiare di perdere subito alla mia prima gara e anche le reazioni o il tempo dell’attacco ancora non sono al top, poi piano piano che proseguiva la gara mi sentivo meglio e gli attacchi sono arrivati.

E quelle sul podio?
Matteo: Sul podio ho pensato che anche al mondiale non avevo vinto e che anche stavolta dovevo sentire un altro inno diverso da quello della mia nazionale. Ma che mi impegnerò per farlo suonare il più spesso possibile.

La vita a volte è strana. Un banale incidente si è trasformato in un calvario. Cosa è accaduto esattamente?
Matteo: Stavo andando a fare allenamento al centro federale di Ostia, con lo scooter perché abito in centro a Trastevere e muoversi a Roma è un massacro. Sulla mia strada ad un incrocio quando ero quasi arrivato una macchina ad uno stop non si è fermata e dato che per fortuna ho evitato di prenderla in pieno, mi è pero arrivata addosso alla caviglia destra. Nell’impatto si è rotto in più parti il malleolo. Il calvario vero e proprio è stato anche dopo perché tra un infezione arrivata poco dopo e la seconda operazione per migliorare, la situazione a giugno sembrava non finire mai. Per fortuna ho avuto accanto le persone giuste, tra cui la mia famiglia, la mia ragazza Chiara, che essendo infermiera mi ha aiutato tantissimo a superare uno dei periodi più bui della mia vita. Inoltre il centro sportivo, la FIJLKAM ed il CONI sono stati sempre presenti per farmi tornare il prima possibile.

I momenti di difficoltà sono spesso quelli sui quali si costruiscono i grandi successi. Quali pensieri e quali emozioni ti hanno abitato in questi lunghi mesi?
Matteo: I pensieri sono tantissimi, perché il tempo sembra non passare mai. Di certo non ho mai mollato ed ho sempre pensato che sarei riuscito a tornare sul tatami per divertirmi, e fare quello che sapevo fare meglio. Volevo e voglio tuttora chiudere il cerchio della mia carriera e cercare di arrivare a Tokyo 2020 prima di ritirarmi, e non poteva di certo essere un incidente stradale a decretarne la fine.

Il Judo, come, tutte le discipline con categorie di peso, richiede una cura attenta dell'alimentazione. Quali sono i segreti della tua dieta?
Matteo: Questo è un argomento delicato. Può sembrare assurdo ma quando un atleta è giovane fa poca fatica a fare il peso nonostante i repentini cambi di alimentazione e diete drastiche fai-da-te. Invece quando si cresce si matura e ci si rende conto che è una delle cose fondamentali in uno sport. Forse anche perché altrimenti non si riuscirebbe ad andare avanti, ma adesso le mie abitudini sono proprio cambiate nel modo di mangiare e di alimentarmi quindi non faccio una vera e propria dieta, se non quei 7-10 giorni prima della competizione, ma quanto più mi sono educato a mangiare e idratarmi in modo sano e regolare! 

Affidarsi ai professionisti della nutrizione è fondamentale. Hai trovato quello giusto per te?
Matteo: Sono un atleta fortunato, perchè sono seguito in toto da professionisti del settore sia nel centro sportivo carabinieri (grazie a Marianna Marinosci) che in nazionale (grazie al dr. Giovanni Di Francesco). Dato che io sono una persona maniacale e dato che l’ho conosciuto quando ero “uno qualunque” e mi ha sempre dato una grande mano, mi affido anche in modo autonomo a Francesco Fagnani. Credo che affidarsi a professionisti sia alla base del successo in ogni cosa, in un settore come la nutrizione e l’integrazione ancora di più!

Qual è il tuo rapporto con gli integratori?
Matteo: Ottimo! Ho trovato i prodotti giusti che mi aiutano nell’allenamento e in competizione e penso che non ne potrei più fare a meno! 

A proposito...c'è un prodotto EthicSport al quale non rinunceresti mai?
Matteo: Ci sono tanti prodotti che non potrei proprio smettere di avere in casa, ma se devo scegliere uno in particolare devo assolutamente scegliere SUPER DEXTRIN, perfetto da sciogliere in acqua, con pochi zuccheri semplici per non squilibrare la dieta e molto buono da ingerire!

Il Judo è una disciplina che appassiona tantissimi giovani. Qual è il consiglio che daresti a chi si avvicina a questo bellissimo sport?
Matteo: I giovani di oggi pensano troppo ad arrivare subito in alto e apparire, mentre quella è l’ultima cosa che accade. Bisogna lavorare tanto, sacrificarsi e concentrarsi su quello che è in quel momento l’obbiettivo. Inoltre, non mi stanco mai di dire che secondo me alla base di tutto deve esserci tanto divertimento e passione per quello che si fa, senza questo diventa inutile tutto l’allenamento del mondo! 

Grazie Matteo per essere stato con noi e...bentornato!

Prodotti in evidenza
ARGININA active power
POTENZA PER IL TUO SPORT!
€ 28,00
SUPER DEXTRIN
Destrine di nuova generazione, migliore energia e più resistenza.
€ 24,90
OMEGA 3TGX - 240 softgel
OMEGA 3 AD ELEVATA BIODISPONIBILITA’ IN FORMA DI TRIGLICERIDE
€ 89,90
SUPER DEXTRIN GEL - 45 pack
Integrazione energetica liquida con carboidrati di nuova generazione
€ 112,50
ENERGY SPECIAL - box da 30 pz
ALIMENTO ENERGETICO IN BARRETTE ADATTO PER LO SPORT
€ 60,00
ENERGIA RAPIDA PROFESSIONAL COLA - box da 50 pz
RICARICA ENERGETICA LIQUIDA PRONTA ALL'USO
€ 100,00
SPORT COFFEE - box da 32 stick pack
CAFFÈ ENERGIZZATO PER LO SPORTIVO
€ 48,00
STORE
LOCATOR

Scopri il punto vendita
più vicino alla tua città.
PROVINCIA

DISTANZA