Hai dimenticato la password?
Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto e clicca su INVIA.
La password ti verrà spedita immediatamente

*E-mail

  

* Campi Obbligatori
Registrazione utente    E-mail    Password         Dimenticato la password?  Nuovo utente?
    Condizioni Generali di vendita
( )


LA FORZA: come si allena e come si alimenta
Inserito il: 16-02-2007
Parole chiave:
Sport:
di Andrea Pizzi - Accademia Nazionale di Mountain Bike
-
Nel ciclismo l'allenamento della forza è una componente molto importante in qualsiasi programma di lavoro, specialmente durante il periodo invernale, anche se è opportuno eseguire dei richiami durante tutto l'anno.
La forza ha molte componenti differenti (resistenza, potenza o velocità), quando si è in bici l'esser forti significa essere in grado di spingere con profitto rapporti più lunghi, questo fa la differenza tra un atleta e l'altro.
-
Come si allena la forza nel ciclismo'
Recenti studi hanno dimostrato che l'allenamento in palestra con l'utilizzo di sovraccarichi è utile ai giovani e ai principianti, per migliorare il tono e il trofismo muscolare, e molto meno all'atleta evoluto poiché determina un ritardo nel raggiungimento della forma a inizio stagione, anche perché, dal momento in cui si smette di lavorare con i pesi, occorrono dalle 4 alle 6 settimane per smaltire la stanchezza muscolare.
Oltre a ciò un errato utilizzo dei carichi può determinare un aumento della massa muscolare, conseguenza molto negativa per un ciclista, in quanto si va a incidere sul rapporto peso/potenza con una conseguente perdita di performance soprattutto in salita.
Premesso questo, dobbiamo ammettere che con la stagione fredda, quando le ore di luce diminuiscono, le temperature si fanno meno piacevoli e soprattutto ci si trova in quel periodo a cavallo tra novembre e dicembre, durante il quale si stacca dalla bici per dedicarsi a sport alternativi (il cosiddetto cross-training con corsa, nuoto, sci di fondo, camminate in montagna) è possibile e utile ripiegare sulla palestra e in genere sull'allenamento indoor.
Lo scopo è di mantenere un minimo di condizionamento aerobico e di tono muscolare utilizzando un tipo di lavoro "a circuito", mediante il quale si coinvolgono i diversi distretti muscolari (gambe, braccia, e muscoli del tronco), utilizzando carichi intorno al 50-60% del massimale per circa due minuti di impegno.
-
Grazie a questa metodica, la frequenza cardiaca rimane intorno al ritmo lento, sinonimo di lavoro aerobico, i muscoli lavorano senza affaticamento mantenendo così il tono e la resistenza allo sforzo. Molto importante è il lavoro di "trasferimento" che si esegue sulla bicicletta, il cicloergometro o la bici da spinning, dopo il lavoro con le macchine.
Questo ha lo scopo di trasferire il lavoro muscolare fatto con i pesi nel gesto tecnico specifico del ciclista: la pedalata. Di solito il periodo dedicato a questo tipo di lavoro in palestra, non avendo finalità specifiche per l'allenamento delle qualità di forza utili al ciclista, ha in genere una durata che non va oltre le sei settimane, terminate le quali si passa ad allenamenti più specifici con la bicicletta.
Per gli atleti che invece optano per un inizio di stagione anticipato, che quindi devono raggiungere un buono stato di forma già nel mese di febbraio, la programmazione degli allenamenti non prevede il lavoro in palestra, ma lo sviluppo della forza specifica direttamente con la bicicletta. Si eseguono sprint ripetuti utilizzando sia rapporti agili che più duri, e soprattutto mediante la metodica delle SFR. Le salite di Forza Resistente, anche se dal punto di vista fisiologico è meglio parlare di Resistenza alla Forza, consistono in salite eseguite utilizzando una cadenza di pedalata molto bassa, compresa tra 35 e 40 rpm (pedalate al minuto), cadenza alla quale si esprime la maggior forza. Si eseguono su salite non troppo pendenti, intorno all'8%, mediante ripetute della durata variabile da 1 a 5 minuti per un lavoro totale che può anche arrivare, negli atleti più evoluti, a 40-45' di salita. In genere, all'interno della programmazione settimanale, sono due le sessioni di allenamento con SFR.
-
Come si alimenta la forza
L'integrazione alimentare durante il periodo di allenamento in palestra oppure dopo le sessioni durante le quali sono previsti esercizi per lo sviluppo della forza (SFR e sprint), è molto importante soprattutto per quanto riguarda il recupero. Dopo ogni allenamento occorre reintegrare prima di tutto gli zuccheri utilizzati durante lo sforzo senza dimenticare l'importanza degli aminoacidi e delle proteine; l'intenso lavoro determina microlesioni a livello del tessuto muscolare che devono essere riparate in breve tempo, in modo tale da permettere, durante la fase anabolica, il miglioramento delle capacità contrattili del muscolo stesso e di espressione della forza. Molto utili ed efficaci sono i prodotti come RECUPERO, che forniscono contemporaneamente glucidi, aminoacidi, vitamine e sali minerali, in abbinamento a RAMTECH che grazie alla sua particolare formulazione rende meglio utilizzabili gli aminoacidi a catena ramificata (BCAA). Quando gli allenamenti si fanno più intensi e prevedono scatti ripetuti, come gli sprint, molto importante è la funzione di un prodotto come Creatina Vector, in grado di migliorare la forza e la reattività muscolare.
Ricerca Articoli

Tag Cloud
sovrallenamento dimagrire equilibrio sport omega 3 sport pasta alimentazione serale sport invernal pedalata reattività muscolare barrette enegetiche gel mtb maratona. ricostruzione muscolare recupero. cioccolato prevenzione cottura e appetibilità recupero podismo massaggio potenza motivazione cibi per la corsa regolazione tacchete indice glicemico calo fisiologico tecniche gare palestra raffreddore recupero muscolare eneretici soccer biomeccanica ferro scorie gelatine carboidrati mountain bike alimentazione dello sportivo powermeter forza allenamento scegliere glicemia montagna integratori pre-gara macronutrienti articolazioni preparazione pasta ironman capillari dieta scatto riduzione acido lattico spuntino triathlon ostacolo snowboard carne grassi vino integratori creatina gelato glicogeno massa muscolare storia acido lattico spiaggia competizioni integrazione vitamina d contratture maratona dimagrimento integratotori rapidità running vita attiva integratori dieta e sport calcio inverno sport invernali beach volley manubria bicicletta alientazione vegani fatica energia maltodestrine energia rapida downhill idratazione zeolite alcolici riabilitazione digiuno runnning preparazione mentale frutta postura rigenerazione muscolare reidratazione nuoto alimentazione. proteine misuratori di potenza perdere peso radicali liberi flessibilità difese immunitarie fondo granfondo glutammina preparazione atletica discesa fitness estate skyrunning problemi riserve energetiche tennis come preparare maratona condizione atletica mountainbike overtraining caboidrati sci di fondo integrazione post-attività integrazione energetica mental coach sport. condizione atletica sci creatina attività fisica autunno settimana bianca calorie attività sportiva antiossidanti cardiofrequenzimentro anemia vegetali sudorazione sella salita vitamine controllo del peso respirazione stress ossidativo rinforzo muscolare sport estivi recupero diario alimentare acidi grassi guida podismo ami acqua e sport ruote grasse testosterone lavoro anaerobico preparazione atletica. alimentazione maratona gara welness alimentazione sana ritenzione idrica barrette dolori fine estate posizione riposo resistenza ormoni stanchezza attività in acqua metalli pesanti minerali energetici campagnolo ciclismo sali minerali dieta fai da te pasti sostitutivi corsa cross country vegetariani matarona alimentazione cibi
Ultimi Inseriti
LA SUPER VITAMINA - a cura del dr. Francesco Fagnani
16-10-2014
La vitamina D in passato era nota esclusivamente per il suo ruolo essenziale per la salute delle...
Le Tecniche di Guida (2° parte) - a cura del dr. Vincenzo Virduzzo - dottore in Scienze motorie e Maestro AMI
11-09-2014
Superare un ostacolo Per il superamento di un ostacolo (una radice, un sasso, ecc) è...
Le Tecniche di Guida (1° parte) - a cura del dr. Vincenzo Virduzzo - dottore in Scienze motorie e Maestro AMI
01-09-2014
Sono le basi della guida in fuori strada, purtroppo spesso ignorate. Alcune di queste tecniche sono...