La preparazione specifica nel nuoto: come rendere al meglio quando gli allenamenti sono più intensi?

01/10/2016
ethicsport it 338-la_preparazione_specifica_nel_nuoto_come_rendere_al_meglio_quando_gli_allenamenti_sono_piu_intensi 001
Anche se per diversi sport il periodo autunnale porta a una riduzione delle attività, molte discipline sono in pieno fermento e l’attività agonistica è al culmine. Nel nuoto questo periodo è particolarmente importante: è infatti uno dei momenti cruciali in cui si costruisce la condizione atletica, si svolgono allenamenti specifici per migliorare sempre più, per presentarsi al meglio agli appuntamenti di fine anno. Ma quali sono i fattori decisivi per ottimizzare la preparazione autunnale nel nuoto?

Il rapporto allenatore-atleta
Il primo meccanismo che permette la crescita atletica di un nuotatore è quella strana alchimia che si deve creare con l’allenatore, un misto tra intesa e fiducia capace di spingere l’atleta a dare il meglio di sé. Spesso infatti si pensa, che più gli allenamenti sono duri, più l’atleta otterrà buoni risultati. In realtà, soprattutto quando il livello è molto elevato, la crescita dell’atleta dipende dalla sinergia si riesce a creare tra lui e il suo tecnico. E’ indispensabile che vi sia un rapporto profondo, che presuppone una grande fiducia tra allenatore e atleta, affinché l’allenamento possa essere tarato per creare il miglioramento della capacità del nuotatore. 
Da una parte l’atleta deve fidarsi dell’allenatore, cercando di portare a termine anche i lavori più duri nonostante la stanchezza, mentre dall’altra l’allenatore deve accertarsi che l’atleta stia eseguendo il lavoro in maniera adeguata, fidandosi anche delle sensazioni di chi è allenato. Impegno e comunicazione: questi sono i due ingredienti che pongono le basi per il raggiungimento di ottimi risultati. 

Atteggiamento attivo
L’atleta che vuole migliorare la propria condizione, deve necessariamente avere un atteggiamento attivo, deve imparare ad ascoltare le proprie sensazioni e occuparsi, con attenzione e professionalità, di tutte le sfumature riguardanti la propria attività. Questo non deve però sfociare nella presunzione di ritenersi “tuttologi”, mettendo in discussione le indicazioni date dal proprio allenatore o dagli altri professionisti dello staff. Al contrario, significa raggiungere la consapevolezza di quanto sia importante ascoltare il proprio organismo e condividere le proprie sensazioni con tutte le persone con le quali ci si prepara alla stagione ventura (l’allenatore, il nutrizionista, il medico sportivo, ecc...).

L’alimentazione 
In autunno è necessario porre la massima attenzione a tutti gli aspetti alimentari, perché nel periodo di preparazione specifica gli allenamenti sono particolarmente intensi. L’allenamento infatti è lo “stressor” che affatica l’organismo; solo dopo (e a causa) di questo affaticamento il corpo può rigenerarsi e “supercompensare”, cioè superare la condizione in cui si trova e migliorare. Fornendo all’organismo i nutrienti corretti nel momento giusto, si può favorire la supercompensazione.

Eliminare le scorie
Quando l’organismo è particolarmente stressato, una delle necessità più importanti è quella di rimuovere rapidamente tutti i cataboliti generati dall’esercizio fisico: lasciar ristagnare queste scorie nel muscolo potrebbe rallentare il recupero muscolare e di conseguenza ostacolare la crescita atletica. Un buon massaggio defaticante agevola la rimozione di queste scorie, favorendone lo smaltimento. Allo stesso modo, dal punto di vista alimentare, l’uso di recovery drink con minerali, vitamine e antiossidanti favoriscono la neutralizzazione di tutte queste minacce radicaliche.
 
Nutrire correttamente il muscolo
Visto che l’allenamento mette a dura prova il tessuto muscolare, è importantissimo fornire un adeguato substrato per la rigenerazione del muscolo. E’ quindi indicata un’alimentazione euprotica, con un corretto intake di proteine ad alto valore biologico. Qualora l’alimentazione non riuscisse a fornire tutte le proteine necessarie, può essere utile integrare con amminoacidi ramificati, amminoacidi essenziali o integratori proteici di facile assimilazione.

Evitare il "fai da te"
Per  individuare le proprie esigenze in maniera esatta, è consigliata una visita specialistica, effettuata da un esperto in nutrizione dello sportivo, che,  dopo una adeguata anamnesi alimentare, potrà effettuare le correzioni alimentari necessarie per rendere al meglio e studiare una strategia di integrazione precisa, puntuale e personalizzata per ogni singolo nuotatore.
Prodotti in evidenza
ethicsport it 338-la_preparazione_specifica_nel_nuoto_come_rendere_al_meglio_quando_gli_allenamenti_sono_piu_intensi 002
Whey idrolizzate con nucleotidi e ProHydrolase®
€ 119,90
ethicsport it 338-la_preparazione_specifica_nel_nuoto_come_rendere_al_meglio_quando_gli_allenamenti_sono_piu_intensi 003
Whey idrolizzate con nucleotidi e ProHydrolase®
€ 36,00
ethicsport it 338-la_preparazione_specifica_nel_nuoto_come_rendere_al_meglio_quando_gli_allenamenti_sono_piu_intensi 004
WAFER AD ALTO CONTENUTO PROTEICO
€ 30,00
ethicsport it 338-la_preparazione_specifica_nel_nuoto_come_rendere_al_meglio_quando_gli_allenamenti_sono_piu_intensi 005
Destrine di nuova generazione, migliore energia e più resistenza.
€ 42,00
ethicsport it 338-la_preparazione_specifica_nel_nuoto_come_rendere_al_meglio_quando_gli_allenamenti_sono_piu_intensi 006
L'AVANGUARDIA NELL'INTEGRAZIONE PRE-GARA
€ 24,50
STORE
LOCATOR

Scopri il punto vendita
più vicino alla tua città.
PROVINCIA

DISTANZA